Cresci, piccolo

Cresci, piccolo

Ci sono cose che sono così importanti che il resto quasi scompare.

L’attesa di un figlio è come essere immersi senza sosta in una sinfonia di Mahler. Il risultato è che mi ritrovo a fantasticare, soprattutto a proitettarmi nei genitori che vedo in giro, insomma fondamentalmente mi sono rimbecillito. In questo inebetimento comunque c’è una nota positiva: le priorità sono diventate palesemente chiare e le sciocchezze su cui altre volte mi incaponivo, ora neanche mi toccano. Così mi trovo a chiedermi perchè gli altri si scannano per questioni per le quali un pizzico di buon senso basterebbe per sedarle o chiarirle. Me lo chiedo per 5 secondi circa, poi passa subito. Ho cose più importanti a cui pensare.

Penso a quel cosino di 2 millimetri che cresce ogni giorno. E non c’è niente di importante se non quello che serve per far crescere lui e far stare bene la mia bella.

Il resto è appena un rumore di sottofondo su una sinfonia in crescendo.

2 commenti

La Leopardessa Scritto il14:23 - 4 Giugno 2008

Mica ti ho sposato per caso, eh? :*

Ivana Scritto il14:36 - 4 Giugno 2008

Tutto sua zia!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.