32 anni, un giorno come un altro

32 anni, un giorno come un altro

Gyo futuro padreTanti auguri a mee, tanti auguri a meee… auguri, torta, candeline, spumante, tirate d’orecchi, discorso, e tutti felici a casa. Quasi quasi trovo piacevole il fatto che quest’anno il festeggiamento l’ho fatto soltanto in ufficio. Probabilmente non l’avrei fatto neanche lì se non fosse stato reso di pubblico dominio da una collega già lunedì (grazie Salvina!).

Vista la situazione particolare che c’è da quasi due mesi a casa mia ogni attività pubblica è sospesa.

Del gruppetto di amici sono da sempre il più vecchio, faccio il compleanno prima dei miei coetanei ed ogni volta non lesinano le battute sul fatto che sono vecchio ma che tanto loro presto mi raggiungeranno.

Sarà per questo che oggi mi sono trovato a fare il saggio in una brutta discussione nata fra due conoscenti e che già stava allargandosi. Ragà, state calmini. La miccia è stata accesa per errore e se qualcuno s’è ferito, nessuno è morto e neanche grave.

Anche se non festeggiamo, fatemi un regalo. Sforzatevi di guardare la situazione da un’altra prospettiva.

1 commento finora

La Leopardessa Scritto il11:38 - 31 Maggio 2008

Festa o non festa, io gli auguri te li ho fatti, eh? 😀 E pure un bel regalone che sta al calduccio con i suoi 2 cm nel mio pancino…
Vabbè diciamo che per il regalo siamo pari 🙂
:*

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.